Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Economia svizzera: Raiffeisen ottimista per il 2018 (foto d'archivio).

KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER

(sda-ats)

Anche gli esperti della banca Raiffeisen sono ottimisti riguardo all'andamento dell'economia svizzera. Prevedono una crescita del Prodotto interno lordo (Pil) del 2,1% nell'anno in corso.

La positività è legata in particolare all'intatto clima congiunturale globale e alla solida crescita in Europa, afferma l'economista capo Martin Neff, citato in un comunicato odierno dell'istituto bancario. Il franco resta ancora estremamente sopravvalutato rispetto all'euro, ma la situazione sul fronte dei cambi si sta leggermente allentando.

"Poiché gli impulsi che l'economia svizzera riceve dalla crescita sono stati tradizionalmente più forti di quelli di natura valutaria, nel 2018 potrebbero finalmente riprendere fiato soprattutto i settori orientati alle esportazioni", aggiunge Neff.

Raiffeisen si aspetta un'inflazione dello 0,6%, nettamente al di sotto dell'obiettivo del 2% della Banca nazionale svizzera (BNS). Per questo motivo, neppure nel 2018 è prevista una normalizzazione dei tassi e la Svizzera deve continuare a convivere con tassi d'interesse negativi. Secondo Raiffeisen, il Libor a tre mesi risulterà invariato allo 0,75%. In compenso, a lungo termine le prospettive sono positive: ci si aspetta un tasso d'interesse dello 0,5% tra 12 mesi per le obbligazioni della Confederazione a dieci anni.

Per quanto riguarda il mercato immobiliare Neff ritiene che resta sopravvalutato. Tuttavia, secondo lui, non sussiste un "rischio di crollo" dei prezzi delle abitazioni primarie perché i prezzi vengono spinti da veri utilizzatori e non - come negli anni Novanta - da speculatori. Per gli immobili a uso commerciale e di reddito i rischi sono invece aumentati nel 2017. La stima fatta l'anno precedente, secondo cui il mercato non sarebbe più in grado di assorbire qualsiasi oggetto a qualsiasi prezzo, con un conseguente aumento dei locali sfitti, si è nel frattempo trasformata in un dato di fatto, nota Raiffeisen.

A livello settoriale, l'industria sembra aver superato le difficoltà, in particolare nel settore meccanico, metallurgico e orologiero. Possono riprendere fiato anche il ramo alberghiero e il commercio al dettaglio. La principale clientela rimangono i turisti tedeschi, ma la Svizzera sta godendo di sempre maggiore popolarità in Paesi come la Cina, l'India, la Corea del Sud, l'Arabia saudita ma anche l'Europa orientale.

La Svizzera continuerà a giocare un ruolo importante nel commercio di transito, tra le altre cose per le materie prime, i metalli preziosi e gli oggetti di valore. Una progressione si delinea anche per i settori di esportazione meno importanti, come la chimica, le materie prime e la costruzione di veicoli. Lo sport contribuirà ancora alla crescita grazie ai differenti grossi eventi sportivi internazionali previsti negli anni a venire, come i campionati mondiali di calcio di quest'anno in Russia, conclude Raiffeisen.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS