Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il candidato Lenin Moreno

KEYSTONE/EPA EFE/JOSE JACOME

(sda-ats)

Il candidato del partito governativo Lenin Moreno è in chiaro vantaggio sul suo rivale Guillermo Lasso, ex banchiere e esponente conservatore, nelle elezioni presidenziali di ieri in Ecuador.

Lo indicano i risultati parziali dopo che sono stati scrutinati l'80% dei voti. Moreno, delfino di Rafael Correa, il capo di stato socialista che al termine di due mandati ha deciso di non ripresentarsi, ha conquistato il 38,8% dei voti e il suo diretto avversario il 28,5%.

In corsa vi erano anche altri sei candidati. Per passare al primo turno serve una maggioranza di oltre il 40%.

Rafael Correa lascia un'economia in difficoltà, ma in condizioni migliori di altri paesi 'bolivariani', e anche il difficile compito di ricostruire le zone colpite dal terremoto di aprile, con un conto stimato in 3,4 miliardi di dollari.

"Abbiamo dieci punti di vantaggio e il divario con Lasso continua ad aumentare", ha commentato l'uscente Correa in un tweet. I risultati definitivi saranno resi noti in serata. Al voto erano chiamati 12,8 milioni di elettori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS