Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Oltre 280 scuole sono state distrutte dal terremoto che ha colpito l'Ecuador lo scorso 16 aprile e 120'000 bambini non hanno al momento accesso all'istruzione, secondo quanto denuncia l'Unicef.

"L'istruzione è un'ancora di salvezza per i bambini che affrontano traumi e distruzione - afferma Gran Leaity, responsabile Unicef in Ecuador - dà ai bambini un senso di normalità, degli obiettivi e li aiuta nel loro recupero psicologico".

L'Unicef sta supportando il Governo per ridare ai bambini l'opportunità di tornare a studiare, in particolar modo nelle aree più colpite di Muisne, Pedernales, Jama e in alcune zone di Portoviejo, Manta e Chone. L'Agenzia costruirà 50 spazi temporanei per l'apprendimento per 20'000 bambini e distribuirà 700 kit per le scuole con materiali di cancelleria utili per 60'000 bambini.

Mentre le agenzie governative e quelle umanitarie continuano a verificare i danni causati dal terremoto, i primi dati indicano che circa 2'000 edifici sono stati danneggiati o distrutti e circa 30'000 persone vivono in rifugi. Il timore di scosse di assestamento sta spingendo le persone a dormire in strada, esposti alle dure piogge che sono molto comuni durante questa stagione. L'Unicef e i suoi partner hanno bisogno di 23 milioni di dollari per rispondere immediatamente ai bisogni dei bambini per i prossimi tre mesi nei settori di acqua, servizi igienico sanitari, istruzione, protezione sociale, salute e nutrizione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS