La Corte di cassazione egiziana, accogliendo un ricorso della procura, ha annullato il verdetto di assoluzione dell'ex presidente Hosni Mubarak per l'uccisione di manifestanti nel 2011 e ha fissato un nuovo processo per il 5 novembre prossimo.

Lo ha precisato l'agenzia stampa egiziana Mena, che in un primo tempo aveva parlato di un annullamento per tutti i processi in cui Mubarak era stato assolto.

Anche nel servizio inglese, oltre che arabo, l'agenzia riferisce che "la Corte di Cassazione ha ordinato giovedì che l'ex-presidente Hosni Mubarak sia di nuovo sottoposto a processo per l'uccisione di 239 manifestanti durante la rivolta del 2011 che portò alle sue dimissioni.

La corte ha assolto gli altri imputati, inclusi i due figli di Mubarak, Alaa e Gamal, l'uomo d'affari latitante Hussein Salem, l'ex ministero dell'Interno Habib el Adly e sei dei suoi collaboratori, precisa ancora la Mena.

In un primo momento l'agenzia aveva indicato che anche i verdetti di assoluzione nei loro confronti erano stati annullati.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.