Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Sinai, nella turbolenta regione a sud di Rafah - al confine tra Egitto e Israele - ci sono "cellule operative dello Stato islamico" e l'esercito del Cairo si appresta a lanciare nei prossimi giorni una massiccia offensiva nell'area. Lo affermano all'agenzia italiana ANSA fonti militari egiziane.

"È una presenza limitata", precisano le fonti, spiegando che i miliziani sono alleati con Ansar Beit al Maqdis, il gruppo filo al Qaida che conta centinaia di adepti tra le proprie fila.

Dal canto suo, un ex vicedirettore dei servizi segreti egiziani, il generale Mohamed Rashad, afferma al filo-governativo al Ahram che "uno dei più importanti cambiamenti sul terreno degli ultimi tempi è il ritorno in Egitto di chi è andato a combattere in Siria".

"Il Sinai - prosegue il generale - confina poi con Gaza, che ha un grande ruolo nell'esportazione del terrorismo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS