Navigation

Egitto: militari, non rinunceremo a nostro ruolo gestione

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 luglio 2011 - 18:27
(Keystone-ATS)

Il Consiglio supremo delle forze armate "non rinuncerà al suo ruolo nella gestione dell'Egitto". È quanto si legge in un comunicato dell'organismo che dirige il paese dalla caduta di Hosni Mubarak, nel quale si mette in guardia dai "pericoli che mettono a rischio l'interesse dello Stato", rappresentati in particolare da "manifestazioni che si allontanano dalla linea pacifica".

Il comunicato ribadisce l'impegno delle forze armate a seguire le tappe della transizione e cioè elezioni legislative, elaborazione di una Costituzione, presidenziali e "consegna del paese nelle mani di un potere civile legittimo".

I militari confermano il loro sostegno al premier Essam Sharaf e al dialogo con i giovani della rivoluzione.

Da cinque giorni centinaia di manifestanti presidiano piazza Tahrir chiedendo maggiori riforme e processi rapidi degli esponenti del vecchio regime.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?