Il ministro dell'interno egiziano, Mansur Essawi, ha deciso di sciogliere l'apparato della sicurezza dello Stato, fortemente avversato dai manifestanti e dai sostenitori della rivoluzione, e di creare un nuovo servizio di sicurezza nazionale.

Essawi, riferisce l'agenzia Mena, ha deciso di sopprimere il vecchio apparato di sicurezza e di sostituirlo con uno nuovo che si occupi di antiterrorismo, senza entrare nella vita quotidiana dei cittadini, nel rispetto dei diritti dell'uomo e delle sue libertà.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.