Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Centinaia di persone, probabilmente arrestate durante le manifestazioni che hanno portato alle dimissioni del presidente Hosni Mubarak, sono ancora introvabili e considerate "disperse". Lo ha reso noto stasera il direttore della Rete araba di informazione dei diritti umani, Gamal Eid.

"Centinaia di persone sono detenute - ha detto - ma le informazioni sul loro numero esatto non sono complete (...) L'esercito le aveva arrestate". Eid ha esortato i militari a stilare immediatamente una lista dei detenuti e a rispettare i loro diritti.

Il quotidiano indipendente "al-Masry al-Youm" ha pubblicato una lista di nomi di uomini e donne tra i 15 e i 48 anni che sarebbero spariti tra il 25 gennaio (primo giorno delle manifestazioni) e il 9 febbraio, due giorni prima delle dimissioni di Mubarak.

Le autorità egiziane non hanno finora fornito alcuna cifra sul numero delle persone arrestate durante i disordini durante i quali, secondo l'Onu e Human Rights Watch, sono state uccise 300 persone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS