Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il primo ministro egiziano, appena nominato dal Consiglio supremo delle forze armate, è sceso in piazza, dove è stato accolto da grida di gioia e lancio di fuochi d'artificio. Essam Sharaf, ex ministro dei trasporti e professore universitario, ha così accolto la proposta dei giovani di essere oggi in piazza Tahrir, la stessa dove si unì alle proteste lo scorso 25 gennaio e dove i manifestanti lo guardano con rispetto e speranza.

Nel frattempo il Consiglio supremo delle forze armate ha indetto il referendum sulle modifiche costituzionali che ridurranno il mandato presidenziale a quattro anni, rinnovabile una sola volta. Si terrà il 19 marzo e sarà un altro tassello nella transizione verso un regime democratico.

Decine di migliaia di persone aspettavano in Piazza Tahrir l'arrivo di Sharaf, che è andato in mattinata a pregare in una moschea adiacente. Il premier incaricato ha attraversato con difficoltà a piedi la grande spianata per raggiungere il palco dal quale ha preso brevemente la parola in un improvvisato giuramento. "Sono qui perché la legittimità mi viene da voi. È a voi che la devo", ha detto. "Mi è stata affidata una missione pesante che richiede pazienza, determinazione ed impegno ed è quella di realizzare i vostri obiettivi", ha detto Sharaf, promettendo che se dovesse fallire si unirebbe nuovamente ai manifestanti in piazza.

Domani si apre il processo per corruzione - il primo del dopo Mubarak - contro l'ex ministro dell'Interno Habib El Adli, sul quale sta investigando una commissione per stabilire le responsabilità delle violenze in piazza nei primi giorni della rivolta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS