Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli scienziati esamineranno quattro delle antiche piramidi d'Egitto a partire dal prossimo mese con le onde, particelle e immagini termiche per vedere cosa c'è sotto la superficie.

Il ministro egiziano delle Antichità Mamdouh Eldamaty ha annunciato che il progetto avrà inizio a sud del Cairo, con la scansione della Piramide romboidale a Dashour, seguita dalla vicina Piramide Rossa.

In seguito, saranno sottoposti a scansione le due piramidi più grandi sulla piana di Giza, quelle di Cheope e Chefren. Le strutture hanno più di 4.500 anni.

In una conferenza stampa, lo scienziato Matthieu Klein di Laval University in Canada ha spiegato che il suo team utilizzerà la tecnologia a infrarossi per la scansione di diversi metri sotto la superficie senza toccare le strutture. "Ci potrebbero essere cose interessanti lì, anche a pochi metri di profondità", ha aggiunto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS