Navigation

Egitto, si sceglie il presidente

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 maggio 2012 - 08:07
(Keystone-ATS)

Si svolge oggi la votazione più aperta e allo stesso tempo più incerta della storia dell'Egitto. Oltre cinquanta milioni di elettori sono chiamati a scegliere fra dodici candidati il loro nuovo presidente della Repubblica, dopo la caduta di Hosni Mubarak con la rivoluzione dello scorso gennaio.

Per la prima volta l'esito del voto non è scontato, perchè per la prima volta le elezioni sono davvero aperte a più candidati, anche se sono quattro quelli che hanno le maggiori chance di arrivare, come sembra assai probabile, al secondo turno del 16 e 17 giugno. Rappresentano la scelta di fondo che si presenta agli elettori, fra filo Islam e stato liberale più o meno legato all'apparato militare.

Da un lato, anche se nominalmente nemici nelle urne, l'esponente dei Fratelli musulmani, Mohamed Morsi, e colui che la Confraternita ha cacciato per essersi candidato, Abdel Moneim Abul Fotouh.

Dall'altro, l'ultimo premier sotto Mubarak, Ahmad Shafik, e l'ex ministro degli Esteri dell'ex rais negli anni Novanta, Amr Mussa. Come outsider si piazza il nasseriano, pro rivoluzione, Hamdin Sabbahi, che sembra, però, difficile possa passare al secondo turno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?