Navigation

Egitto: troppi islamisti nella Costituente

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 marzo 2012 - 15:25
(Keystone-ATS)

Continua l'esodo dall'assemblea costituente egiziana da parte di esponenti liberali ed attivisti, nominati solo due giorni fa. Agli otto che si sono dimessi ieri si aggiungono oggi altre tre personalità molto note. Si tratta di Amr Hamzawi, parlamentare liberale, docente, ricercatore e attivista per i diritti umani e di Ahmed Harara, attivista che ha perso l'uso degli occhi negli scontri con le forze dell'ordine lo scorso anno.

Ha abbandonato l'organismo, dominato da personalità scelte dai movimenti islamisti, anche Mona Makram Ebeid, una delle sei donne sui cento componenti della Costituente. Copta, per anni parlamentare e attualmente docente di scienze politiche all'American University del Cairo, Makram è attiva in organizzazioni per i diritti umani e della donna.

"Lascio per la connotazione islamista e per la minima presenza di donne", ha scritto su Twitter. La Costituente egiziana si riunirà per la prima volta mercoledì e sono annunciate manifestazioni da parte dei movimenti per protestare contro la presenza massiccia di islamisti nell'organismo che dovrà riscrivere la Costituzione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?