"Profonda preoccupazione" è stata espressa dagli Stati Uniti per la sentenza che ha condannato a morte l'ex presidente egiziano Mohamed Morsi.

Con Morsi sono stati condannati e altri 100 detenuti dei Fratelli Musulmani per il ruolo avuto nell'evasione di massa dalle carceri durante la rivolta del 2011 nel paese arabo.

"Ci siamo spesso opposti alle sentenze e ai processi di massa", ha affermato il Dipartimento di Stato americano, "condotti in un modo non compatibile con lo stato di diritto".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.