Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un dispositivo elettronico basato su una eterostruttura bidimensionale, ovvero dello spessore di un singolo atomo, è stato realizzato per la prima volta nell'ambito di una ricerca internazionale cui ha partecipato l'Università di Pisa.

Il minuscolo transistor, spiega una nota dell'Ateneo, è "il frutto di una collaborazione internazionale tra Università di Pisa, Cnr, Istituto catalano delle nanoscienze e delle nanotecnologie e Università di Tokyo".

La realizzazione è stata resa possibile con una tecnologia sviluppata dall'Ateneo giapponese, in grado di modificare le proprietà elettriche del Bisolfuro di Molibdeno da semiconduttore a metallo, tramite un raggio di elettroni ad alta energia.

Le simulazioni a livello atomistico effettuate dall'Università di Pisa (da Teresa Cusati, Gianluca Fiori e Giuseppe Iannaccone) e dal Cnr pisano (Alessandro Fortunelli), oltre a fornire spiegazioni sugli effetti osservati a livello macroscopico, hanno permesso di prevedere il comportamento elettrico del dispositivo fabbricato.

"La tecnologia sviluppata, sia dal punto di vista della fabbricazione, che di quello della simulazione - sottolinea Fiori - mette le basi per il raggiungimento di nuovi traguardi nel campo dell'elettronica bidimensionale, considerata sia in ambito scientifico che industriale come una tecnologia promettente per ottenere transistor flessibili e a basso consumo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS