Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La sezione ticinese del PLR propone il consigliere nazionale Ignazio Cassis alla successione di Hans-Rudolf Merz nel governo federale. La decisione è stata presa dal comitato cantonale riunitosi stasera a Sementina.
Vista la rinuncia alla candidatura di tutti gli esponenti PLR ticinesi interpellati, la candidatura del medico di 49 anni è stata accolta all'unanimità per acclamazione.
Cassis aveva reso noto la sua disponibilità nel fine settimana attraverso un'intervista sulla stampa domenicale. Il medico ammetteva di non essere un peso massimo all'interno del partito, aggiungendo però di non sentirsi nemmeno un novellino. E anche questa sera si è detto cosciente delle scarse possibilità di successo di entrare nel governo federale: "Non ho le fette di salame sugli occhi" ha detto.
Egli ha poi aggiunto di ritenere la sua candidatura importante per la coesione nazionale: la Svizzera italiana esprime con la mia candidatura la richiesta di un rappresentante in Consiglio Federale. Se si sta zitti non si ottiene nulla, ha notato. Cassis ha comunque sottolineato che è disposto a ritirarsi se nel corso delle nomine per il seggio in governo risultasse che un altro candidato PLR fosse più indicato di lui.
Però secondo il presidente del PLR nazionale Fulvio Pelli "a volte un outsider può creare la sorpesa"
Dal canto suo, il presidente del PLRT Walter Gianora ha detto di ritenere importante che il Canton Ticino sia compatto e proponga una sola candidatura per la corsa al Consiglio Federale. Gianora aveva espresso la scorsa settimana la preferenza per una candidatura ticinese unica: dopo il sì di Cassis hanno rinunciato sia l'ex consigliera di stato Marina Masoni, sia il sindaco di Locarno Carla Speziali. In precedenza si era chiamata fuori anche la consigliera di stato Laura Sadis e il consigliere nazionale Fabio Abate.
Domiciliato a Montagnola, Cassis è deputato a Berna dal 2007. Si è laureato in medicina nel 1987 all'università di Zurigo e nel 1996 ha ottenuto il dottorato a Losanna. Ha lavorato a Lugano presso gli ospedali Civico e Italiano e dal 1996 al 2008 è stato medico cantonale.
A livello svizzero Cassis è il secondo candidato presentato dalle sezioni cantonali, dopo il consigliere nazionale Ruedi Noser, oggi nominato ufficialmente dalla sezione zurighese. Sempre oggi è sceso in campo il collega di parlamento Johann Schneider-Ammann. Si è ora in attesa delle mosse della consigliera di stato sangallese Karin Keller-Suter, che insieme a Schneider-Ammann è considerata fra le più quotate personalità che possono ambire al seggio. Domani la sezione di San Gallo terrà un'assemblea dei delegati straordinaria sul tema candidature. Ancora domani potrebbe comunicare la sua disponibilità il consigliere nazionale Peter Malama (BS).
Nell'ambito della riunione odierna dei vertici del partito, il direttore del Dipartimento cantonale dell'educazione, della cultura e dello sport, Gabriele Gendotti, ha annunciato che non si ricandiderà per le elezioni cantonali dell'aprile del 2011. Il politico nato a Faido nell'ottobre del 1954 era subentrato nel governo cantonale nell'agosto del 2000 in seguito al decesso di Giuseppe Buffi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS