Navigation

Elezione Consiglio federale: UDC presenterà un suo candidato

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 agosto 2010 - 22:01
(Keystone-ATS)

BERNA - L'UDC presenterà un suo candidato il prossimo 22 settembre nell'elezione dei successori in Consiglio federale di Moritz Leuenberger e Hans-Rudolf Merz. Lo ha deciso con 48 voti contro 2 il gruppo parlamentare, confermando in tal modo di rivendicare un secondo seggio in governo, come già fatto sapere dai vertici del partito subito dopo l'annuncio delle dimissioni di Leuenberger.
Quale partito più forte rappresentato in parlamento l'UDC ha diritto a un secondo mandato nell'esecutivo, ha spiegato il capogruppo Caspar Baader in una conferenza stampa al termine alla riunione dei deputati e senatori UDC alle Camere federali. Eveline Widmer-Schlumpf è stata eletta contro la volontà del partito e la concordanza non è quindi stata rispettata.
Baader non ha voluto però guardare troppo al passato: a suo avviso quello che è importante è che le idee care UDC e ai suoi elettori sono oggi sottorappresentate in governo: una situazione a suo avviso da correggere.
Le sezioni cantonali e i singoli parlamentari sono perciò invitati a presentare entro il 31 agosto nomi di possibili papabili. Il gruppo UDC alle Camere si darà tempo fino al 14 settembre per scegliere poi il candidato ufficiale, che si metterà a disposizione degli altri partiti per eventuali audizioni. Fino ad allora i democentristi intendono inoltre avviare colloqui bilaterali con le altre formazioni politiche.
L'UDC presenterà il suo candidato ad ogni nuova elezione: questo modo di procedere è stato oggi confermato dal gruppo, ha precisato Baader. Concretamente questo significa che i democentristi prenderanno di mira dapprima la poltrona socialista lasciata libera da Leuenberger (quale membro del governo in carica da più tempo sarà anche il primo ad essere sostituito): se l'operazione - in particolare per la mancanza del sostegno del PLR - non andrà in porto l'UDC attaccherà allora il seggio liberale-radicale lasciato libero da Merz.
Baader non ha voluto avanzare nomi di possibili candidati. "Non ne abbiamo discusso oggi", ha detto. L'imprenditore non ha nemmeno voluto dire se sarebbe personalmente a disposizione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.