Tutte le notizie in breve

L'ex presidente PPD del Gran Consiglio vallesano Nicolas Voide si candiderà assieme all'UDC alle prossime elezioni cantonali

Keystone/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

(sda-ats)

L'UDC vallesana avrà un alleato di spicco alle elezioni cantonali del prossimo mese di marzo: l'ex presidente PPD del Gran Consiglio Nicolas Voide figurerà infatti su una lista comune per il governo con i democentristi Oskar Freysinger e Sigrid Fischer-Willa.

Il principio di un'alleanza a destra con Voide è stato approvato ieri sera dall'UDC del Vallese romando. La nuova lista, denominata "Ensemble à droite" vuole offrire agli elettori un'alternativa tra "la sinistra internazionalista e distruttrice" e "la destra neoliberale mondialista", si legge in una nota congiunta dei tre candidati.

L'UDC era alla ricerca di alleati a destra, ma non era riuscita a concludere un'intesa con il PLR, altro partito minoritario in Vallese, al quale i democentristi avevano sottratto il seggio in governo nel 2013 con Oskar Freysinger. L'alleanza con l'ex deputato del PPD costituisce una sorpresa, anche se Nicolas Voide non aveva nascosto il suo interesse per la carica di consigliere di Stato.

Nel 2008 Voide era stato battuto alle "primarie" democristiane del distretto di Martigny dall'allora presidente del PPD svizzero Christophe Darbellay. In una votazione a scrutinio segreto, svoltasi a Saxon, Darbellay aveva ottenuto 605 voti, mentre a Voide ne erano andati 325. L'allora consigliere nazionale fu poi battuto da Maurice Tornay alle "primarie" del PPD del Vallese romando.

Anche quest'anno la candidatura di Voide sarà direttamente opposta a quella di Darbellay, che si è lanciato nella corsa per il governo. La Costituzione vallesana autorizza infatti un solo eletto per distretto, ossia quello che farà la migliore votazione.

Ai microfoni di Rhône FM, l'uscente Oskar Freysinger e Nicolas Voide hanno dichiarato di voler dare un orientamento ancor più a destra al governo cantonale. Freysinger teme di essere il solo rappresentante della destra conservatrice in Consiglio di Stato dopo le elezioni di marzo.

Queste ultime si annunciano molto aperte. Il PPD vuole difendere i suoi attuali tre seggi, mentre il PLR intende riconquistare quello perso quattro anni or sono. La sinistra presenterà l'uscente Esther Waeber-Kalbermatten e l'ex consigliere nazionale Stéphane Rossini. Infine, quale candidato indipendente, vi sarà anche il portavoce della polizia cantonale vallesana Jean-Marie Bornet.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve