Navigation

Elton John: un'autobiografia scritta per i miei figli

Elton John durante un concerto lo scorso 17 ottobre a Los Angeles. KEYSTONE/AP Invision/MATT SAYLES sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 novembre 2019 - 13:33
(Keystone-ATS)

"Voglio che i miei figli sappiano come era il loro padre". È stata la paternità a spingere Elton John a pubblicare "Me", l'autobiografia che i suoi bambini "naturalmente non hanno il permesso di leggere, perlomeno fino a quando avranno 15 o 16 anni".

E il veto non desta stupore visto i coloriti resoconti del divo nel libro di memorie, soprattutto negli anni in cui era affetto da bulimia, shopping compulsivo, oltre a dipendenza da cocaina e alcol.

Intervistato ieri sera a Londra dallo scrittore e comico David Walliams davanti alla platea dell'Hammersmith Apollo di Londra, sir Elton - in gessato rosa con occhiali in nuance - ha passato in rassegna 72 anni di vita ed oltre cinquanta di carriera fra commozione e risate. "Un giorno nel 1957 mia madre portò a casa il disco di Elvis Heartbreak Hotel, e per me è stata la fine", ha ricordato.

Ma la vera svolta avviene anni più tardi, all'audizione con Ray Williams di Liberty Records: "Gli spiegai che sapevo cantare e comporre musica, ma non scrivere le parole; c'era una pila di buste sul tavolo e me ne diede una con i contatti del paroliere Bernie Taupin. Da lì è cominciato tutto".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.