Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Emmi ha registrato lo scorso anno un giro d'affari in aumento dell'1,4%, a 3,26 miliardi di franchi. Tenendo conto degli effetti di cambio e delle acquisizioni, le vendite del numero uno dei prodotti lattieri in Svizzera hanno tuttavia subìto una flessione dell'1%.

Il dato è attribuile in particolare all'aumento del turismo degli acquisti e alla crescita delle importazioni, ha indicato la società in un comunicato odierno.

La divisione Svizzera ha subito un netto calo in termini organici (-2,9%) a 1,79 miliardi di franchi. Dal canto suo, la divisione Europa ha registrato una contrazione dello 0,2% a 519 milioni. La regione America è invece progredita del 2,8% a 865,6 milioni.

Questi risultati sono leggermente inferiori alle previsioni degli analisti contattati dall'agenzia AWP. Questi ultimi puntavano su un giro d'affari di 3,28 miliardi di franchi e una crescita organica di -0,2%.

Oltre al turismo degli acquisti e all'aumento dell'import, le incertezze concernenti la Brexit e il calo del prezzo del latte a livello mondiale hanno influito sull'esercizio 2016, ha spiegato Emmi.

Per quanto riguarda l'utile operativo (EBIT), esso dovrebbe situarsi tra i 185 e i 195 milioni di franchi. I risultati dettagliati saranno pubblicati il 22 marzo, quando saranno fornite anche maggiori informazioni sulle previsioni per l'esercizio 2017.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS