Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Spero che questo documento spingerà a riconoscere la gravità della situazione e a intraprendere buone iniziative per la protezione del nostro pianeta".

Lo ha detto, a nome della Conferenza dei vescovi svizzeri, il vescovo di Basilea Felix Gmür, reagendo alla pubblicazione dell'enciclica "Laudato sì" di Papa Francesco.

Gmür ha sottolineato che il Papa si rivolge a tutti gli esseri umani e non soltanto ai cattolici. La questione ecologica, ha affermato ancora, viene collegata dal pontefice a quella sociale. Il testo intero "invita i lettori a vedere le ripercussioni della crisi ecologica sulle persone e soprattutto sui poveri".

Il documento di Papa Francesco nel suo insieme va visto "come una enciclica ambiente-sociale", ha detto ancora il vescovo di Basilea, e il Papa "raccomanda ai cristiani una spiritualità francescana del Creato, in cui la salvaguardia della natura è inseparabile della giustizia verso i poveri".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS