Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Axpo è tornata in attivo

KEYSTONE/WALTER BIERI

(sda-ats)

Axpo è tornata nelle cifre nere: il gruppo energetico, numero due sul mercato svizzero, ha archiviato l'esercizio 2016/2017, chiusosi a fine settembre, con un utile di 310 milioni di franchi, a fronte della pesante perdita di 1,25 miliardi dell'anno precedente.

Positivo anche il risultato Ebit, pari a 269 milioni (-1,23 miliardi dodici mesi prima), per un corrispondente margine attestatosi al 4,8% (-22,6%). I ricavi operativi sono saliti del 2,7% a 5,57 miliardi di franchi, grazie al rialzo del prezzo dell'energia in Europa e al buon esito delle attività di negoziazione.

Gli affari hanno avuto un andamento molto positivo all'estero, mentre gli introiti derivanti dalla produzione di elettricità in Svizzera sono rimasti "deludenti".

L'azienda nel periodo in rassegna è riuscita ad accrescere le entrate e a diminuire le spese, malgrado i costi legati alla centrale nucleare di Beznau, che dovrebbe riprendere la produzione di elettricità nel 2018, si legge nel rapporto di gestione pubblicato oggi.

Il rialzo dei prezzi e il rafforzamento dell'euro rispetto al franco lasciano intravvedere a medio termine prospettive favorevoli sul fronte della produzione elettrica, afferma ancora Axpo. Il gruppo continuerà tuttavia a ottimizzare i costi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS