Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRUXELLES - Il consigliere federale Moritz Leuenberger, oggi a Bruxelles per un vertice informale con i ministri dell'energia dei Paesi Ue, ha fatto opera di promozione per un accordo in materia. Il capo del DATEC, Dipartimento federale che comprende anche l'energia, auspica che i punti principali di un possibile trattato bilaterale siano fissati entro marzo 2011.
In Svizzera il mandato negoziale deve però ancora essere esteso alle energie rinnovabili. Un progetto in questo senso è stato posto in consultazione dal governo lo scorso mese di maggio. In vista dei negoziati con l'Unione europea (Ue), Berna considera fondamentali aspetti come il transito dell'elettricità, la sicurezza dell'approvvigionamento in caso di scarsità di energia nonché l'accesso ai rispettivi mercati.
Con l'allargamento del mandato, la Svizzera reagisce ai recenti sviluppi per cui nel marzo 2011 nell'Ue entreranno in vigore varie disposizioni. Leuenberger spera che prima di allora sia perlomeno conclusa una prima tappa dei negoziati tra Berna e Bruxelles.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS