Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le casse malattia rimborsano dal primo febbraio due nuovi medicamenti contro l'epatite C, ma solo quando i pazienti presentano gravi danni al fegato. Si tratta del farmaco Harvoni dell'americana Gilead e di una combinazione dei preparati Viekirax e Exviera del gruppo statunitense AbbVie. Il trattamento con questi medicinali dura in genere 12 settimane e costa complessivamente 62 mila franchi, ha indicato oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) confermando informazioni dei quotidiani "Tages-Anzeiger" e "Der Bund".

La limitazione mira a garantire che i farmaci, con i conseguenti costi per gli assicuratori malattia, vengano prescritti solo quando i pazienti ne hanno veramente bisogno. In gioco vi sono quindi considerazioni mediche, ma anche economiche. Una procedura analoga è stata adottata anche in relazione al farmaco anti-epatite Sovaldi, omologato un anno fa.

Oliver Peters, vice direttore dell'UFSP, ha detto al "Tages-Anzeiger" che le restrizioni adottate sono giustificate. Da uno studio della "American Medical Association", pubblicato nello scorso novembre, risulta infatti che anche un trattamento tardivo può garantire un buon successo terapeutico: i pazienti, dopo la cura, "hanno le stesse chance di sopravvivenza della normale popolazione".

Olivers ha precisato che Austria, Olanda, Svezia e Belgio hanno introdotto lo stesso regime approvato dalla Svizzera e che anche Francia e Gran Bretagna hanno ristretto il numero dei pazienti da sottoporre a terapia. "Adesso dobbiamo chiarire in modo approfondito se è sensato mantenere in vigore le attuali limitazioni, oppure se è meglio estendere l'uso" dei nuovi farmaci.

Non tutti i pazienti contagiati dal virus, che si trasmette per contatto diretto con il sangue infetto, sviluppano gravi malattie del fegato: in Svizzera i casi dichiarati di epatite C sono 33 mila, ma l'UFSP ritiene che i portatori del virus siano più di 80 mila, di cui molti asintomatici. Un gruppo di esperti ha indicato nel 2013 che molte persone si sono infettate negli anni Sessanta e Settanta in seguito al consumo di droghe pesanti e di comportamenti sessuali non protetti per cui nei prossimi anni, con l'avanzare dell'età dei soggetti interessati, è prevista un'ondata di nuovi casi. Il picco è atteso tra il 2020 e il 2025.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS