Navigation

Erdogan rilancia nozze riparatrici, proteste in Turchia

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan in una foto recente. KEYSTONE/AP/BO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2020 - 19:09
(Keystone-ATS)

Alla fine del 2016, furono un'ondata di proteste di piazza e la forte indignazione internazionale ad affossare una proposta di legge che voleva reintrodurre in Turchia una forma di 'matrimonio riparatore'. Ora, l'Akp di Recep Tayyip Erdogan ci riprova.

Inserita nei meandri di un ampio pacchetto di riforma del sistema giudiziario, la norma preparata dal partito del presidente potrebbe assicurare un salvacondotto agli autori di violenze sessuali contro le donne in caso di successive nozze, purché la differenza d'età sia inferiore a 10 anni. Una sorta di amnistia che per la maggioranza di governo ad Ankara serve soprattutto a sanare situazioni di fatto che riguardano zone rurali del Paese, in cui non sono rari i casi di 'spose bambine', visto che le nozze con minori sono vietate, e quando una ragazza resta incinta si configura il reato di violenza sessuale. Le proteste sono state immediate.

Il testo è giunto per la prima volta in Parlamento la scorsa settimana, ma non è ancora fissata una data per il prosieguo della discussione. Le associazioni per la difesa dei diritti delle donne sono già sulle barricate nel timore di un colpo di mano in aula, dove le forze pro-Erdogan hanno la maggioranza assoluta.

La mobilitazione chiede il ritiro incondizionato di una proposta che potrebbe aggravare ulteriormente i problemi della violenza di genere e delle 'spose bambine'. Stando al Chp, il maggiore partito di opposizione, nell'ultimo decennio le donne che si sono sposate a un'età inferiore a quella ammessa dalla legge sono state circa mezzo milione. Ma i casi sarebbero sottostimati, perché spesso queste nozze non vengono celebrate davanti a pubblici ufficiali ma solo ad autorità religiose locali.

Le ong denunciano anche una legittimazione sul piano sociale della violenza contro le donne. Secondo la piattaforma Fermiamo i femminicidi, nel 2019 in Turchia sono state assassinate almeno 474 donne, in aumento rispetto alle già drammatiche cifre degli anni precedenti. E ad uccidere o ferire sono in gran parte mariti, compagni e familiari. "Nel 2016 - ricorda Fidan Ataselim, segretaria generale della piattaforma - il governo aveva proposto una legge sull'amnistia per gli autori di abusi sessuali sui minori, tutte le donne si sono opposte e la proposta è stata ritirata. Se ci riprovano, la combatteremo di nuovo".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.