Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un soldato è stato condannato oggi dal Tribunale militare 5 di Basilea ad una pena pecuniaria di 180 aliquote giornaliere da 100 franchi sospesa con la condizionale per due anni per lesioni colpose. Il 23enne, che dovrà assumersi inoltre le spese legali che superano i 9500 franchi, aveva accidentalmente sparato ad un suo commilitone.

Nel maggio del 2013 i due soldati di guardia di notte presso l'aerodromo di Dübendorf (ZH) stavano svolgendo una pausa in un locale apposito. Mentre l'imputato posava per una foto con la propria pistola, dall'arma è partito uno sparo che ha colpito il suo compagno. La pallottola attraversò il polmone della vittima che dovette successivamente essere rianimata durante un intervento a torace aperto.

Nelle motivazioni della sentenza la corte ha parlato di una grave e grossolana colpa condannando il giovane ad una sanzione pecuniaria superiore di quella richiesta da accusa e difesa. Allo stesso tempo però il Tribunale militare ha creduto alla dichiarazione del 23enne di non essere stato cosciente del fatto che all'interno della canna vi fosse un proiettile. Il soldato ha inoltre salvato la vita del commilitone soccorrendolo prontamente ed è sinceramente pentito.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS