Navigation

Esercito svizzero: presto ci troveremo di fronte a carenza soldati

Thomas Suessli in una foto recente. KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 giugno 2020 - 09:06
(Keystone-ATS)

"Entro la fine del decennio all'esercito mancheranno circa un quarto dei soldati": a lanciare l'allarme è il capo delle forze armate elvetiche, Thomas Süssli, che in un'intervista pubblicata oggi dal Blick solleva il problema della carenza di risorse nelle truppe.

"Perdiamo ogni anno alcune migliaia di giovani che dovrebbero essere effettivamente a servizio", precisa Süssli rispondendo alle domande del quotidiano zurighese. A suo parere, è necessaria una discussione sulle capacità dell'esercito. "Se la Svizzera vuole lo stesso esercito di oggi, in futuro le truppe avranno bisogno di più personale".

Molti giovani decidono prima del reclutamento di fare il servizio civile invece della scuola reclute, spiega il 53enne. "Altri vogliono andare alla scuola reclute, ma non lo possono fare per motivi medici. Ci sono poi molti giovani che lasciano la scuola reclute e passano al servizio civile, spesso perché più compatibile con la loro professione".

"Voglio creare un esercito moderno, soprattutto per quanto riguarda la cultura e la digitalizzazione", afferma il capo delle forze armate: esso dovrebbe orientarsi alle nuove minacce. Ma "ci deve essere una relazione tra il profilo delle prestazioni richieste e le risorse a disposizione", avverte Süssli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.