Navigation

Esportazioni orologiere: -9,2% in febbraio, effetto coronavirus

Esportazioni orologiere in calo KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 marzo 2020 - 16:59
(Keystone-ATS)

Le conseguenze legate al coronavirus iniziano a farsi sentire anche nel settore orologiero. Le esportazioni in febbraio sono calate del 9,2% a 1,6 miliardi di franchi, in particolare a causa delle vendite praticamente dimezzate in Cina e a Hong Kong.

In una nota, la Federazione dell'industria orologiera (FH) indica che il calo delle esportazioni si è verificato in tutti i settori, da quelli di bassa gamma a quelli di lusso. La flessione più marcata (-55,9% in termini di volume, -52,5% in termini di valore) è stata fatta segnare dagli orologi di un valore compreso tra i 200 e i 300 franchi.

Stati Uniti e Hong Kong si confermano essere i mercati più interessanti per l'orologeria svizzera, ma con andamenti nettamente contrastati. L'export in direzione degli USA è salito del 17,8% (a 205,8 milioni di franchi), dato che fa seguito alla crescita del 15,2% fatta segnare in gennaio.

Le vendite verso l'ex colonia britannica sono invece scese in febbraio del 42,0% (a 142,6 milioni), dopo che già in gennaio si era osservato un calo 25,0%. Da notare anche che le esportazioni verso la Cina sono crollate del 51,5%. Se in gennaio tale Paese figurava ancora al terzo posto della classifica dei mercati più redditizi, ora è sparito dal "top 6".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.