Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Con 27 giorni oltre i 30 gradi registrati in varie parti del paese e un picco di 35,7 gradi, l'estate del 2010 risulta in generale di un grado e mezzo più calda della media a lungo termine, e di due gradi a Sud delle Alpi. È quanto segnalano oggi i meteorologi, secondo i quali le condizioni estive finiranno definitivamente dalla prossima settimana.
Secondo i meteorologi della tv svizzero tedesca SF, quest'anno in Svizzera l'estate si è svolta dal 22 giugno al 21 luglio. Per il resto "si è trattato nel migliore dei casi di una onesta media". In sintesi: "un momento di splendore in tanta tristezza".
I valori dell'estate 2010 sono risultati sul livello del 2006 e dei due anni scorsi, ma di ben tre gradi inferiori a quelle del 2003. La colonnina del mercurio è rimasta particolarmente alta in luglio. In alcuni posti del Ticino sono state registrate le temperature più elevate dal 1928. Nel Locarnese, il luglio del 2010 è stato il secondo più caldo dal 1864, ossia da quando si effettuano rilevamenti sistematici. A nord delle Alpi si sono avuti da due e mezzo a tre gradi più della media.
Non si sono tuttavia registrati numeri da record. I termometri hanno toccato il massimo il 14 luglio, con i 35,7 gradi a Basilea e Delémont, e un pelino meno a Ginevra e Sion. A Basilea e Ginevra la soglia dei 30 gradi è stata superata rispettivamente in 16 e 15 giornate. A Sion ci sono stati 21 giorni di grande calura, a Lugano e Zurigo 11, a Berna 10 e a Lucerna 9.
Secondo MeteoSvizzera, in generale il soleggiamento ha rispettato la media di lungo termine mentre le precipitazioni sono risultate molto differenti a seconda delle regioni: in Ticino nella media, in Romandia troppo secco e nelle Prealpi centro orientali nettamente troppo umido.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS