Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A causa del caldo della scorsa estate, i ghiacciai svizzeri hanno perso 1300 milioni di metri cubi di ghiaccio, pari al 2,5% del loro volume totale. Il record del 2003, quando persero il 4-5% del volume, non è però stato raggiunto.

Il tempo più clemente (per i ghiacciai) della seconda metà di agosto e di settembre ha permesso di rallentare lo scioglimento dei ghiacciai. Dalla seconda metà di agosto, la neve è caduta infatti fino a 2800 metri di quota, e fino a 2000 in settembre.

In una nota, l'Accademia svizzera di scienze naturali (ASSN) ha affermato che la maggior parte dei ghiacciai esaminati ha perso tra uno e due metri di spessore durante l'anno idrologico 2014-2015.

Per spiegare quanto la scorsa estate sia stata calda, l'ASSN fa l'esempio del Weissfluhjoch, sopra Davos (GR): a 2540 metri, dove si trova la stazione di rilevamento, nei mesi di luglio e agosto non ha nevicato. Negli ultimi 80 anni, ossia da quando esistono queste informazioni, era successo solo una volta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS