Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non una, ma ben tre saranno le "super Lune" in arrivo quest'estate. La prima debutterà domani, 12 luglio, quando si verificherà la coincidenza per cui la Luna diventa piena quando si trova al suo perigeo, cioè alla distanza minima dalla Terra, e quindi appare più vicina. Un fenomeno che però rovinerà la "festa" degli appassionati di stelle, visto che, oltre al 9 settembre, si verificherà anche il 10 agosto, oscurando le stelle cadenti della notte di San Lorenzo.

Come spiega Paolo Volpini dell'Unione Astrofili Italiani, "quello della super Luna è un fenomeno poco visibile a occhio nudo, ma è più percepibile con le fotografie fatte in corrispondenza di apogeo e perigeo. La super Luna maggiore sarà comunque quella del 10 agosto".

Il fenomeno in arrivo è diverso da quello della "luna ambrata" vista a giugno, dovuto soprattutto alle condizioni atmosferiche. Si verifica perché la Luna in un mese non percorre un'orbita circolare, ma ellittica, e quindi nell'arco di un mese non si trova sempre alla stessa distanza dalla Terra, ma ad una distanza variabile tra un valore minimo (il perigeo, appunto, a circa 356'410 chilometri) ed un valore massimo (l'apogeo a circa 406'740 chilometri).

La particolarità che dà origine alla "super Luna" è che si ha la coincidenza della Luna piena con il momento del perigeo, cosa che la fa apparire del 14% più grande e del 30% più luminosa. L'unico effetto fisico prodotto sulla Terra sarà un aumento di 15 centimetri del dislivello tra la bassa marea e l'alta marea.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS