Navigation

Eternit: motivazioni sentenza, dolo di elevatissima intensità

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 maggio 2012 - 13:54
(Keystone-ATS)

È stato caratterizzato da "un dolo di elevatissima intensità il comportamento dei magnati dell'Eternit: è quanto scrive il tribunale di Torino nelle motivazioni, depositate oggi, della sentenza di condanna a 16 anni di carcere per i due imputati del processo Eternit.

Il documento, di 733 pagine, racconta le fasi del più grande dibattimento mai celebrato per questioni legate alla nocività dell'amianto: fra morti e malati sono stati presi in esame diverse migliaia di casi.

Gli imputati sono il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny e il barone belga Louis de Cartier, chiamati in causa per i danni provocati - secondo l'impostazione della Procura di Torino - dall'amianto lavorato in quattro stabilimenti italiani della multinazionale Casale Monferrato, Cavagnolo, Rubiera, Bagnoli.

Secondo i giudici, i vertici dell'azienda erano a conoscenza dei problemi ma "nonostante tutto - si legge nelle motivazioni - hanno continuato e non si sono fermati né hanno ritenuto di dover modificare radicalmente e strutturalmente la situazione al fine di migliorare l'ambiente di lavoro e di limitare per quanto possibile l'inquinamento".

Inoltre "hanno cercato di nascondere e minimizzare gli effetti nocivi". In un'altra parte della sentenza i giudici si dicono del parere che per questi comportamenti "non può essere riconosciuta alcuna attenuante".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?