Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si apre domani a Torino il processo d'appello che ridiscuterà una sentenza storica, quella sulle morti per amianto all'Eternit che un anno fa videro condannati a 16 anni di reclusione, per disastro doloso permanente e omissione dolosa di misure antinfortunistiche, l'industriale svizzero Stephan Schmidheiny e il barone belga Louis de Cartier. Furono anche definiti risarcimenti per 100 milioni a 6.400 parti civili.

Le difese hanno chiesto la revisione completa del verdetto. "In primo grado i risultati delle analisi e dei rilievi fatti in questi anni dai nostri consulenti sono stati completamente ignorati", aveva detto, nel presentare il ricorso, l'avvocato Astolfo Di Amato, uno dei legali di Schmidheiny.

Fra i punti sollevati vi sono alcune questioni costituzionali già poste durante le udienze preliminari e il processo di primo grado, sempre respinte dal tribunale, e la competenza territoriale, in quanto la sede legale della Eternit Italia, che aveva i suoi quattro stabilimenti a Casale Monferrato (Alessandria), Cavagnolo (Torino), Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli), era a Genova.

Le vittime accertate, tra dipendenti dell'azienda, loro familiari e anche semplici residenti nelle vicinanze delle fabbriche, sono migliaia e i malati di asbestosi, mesotelioma pleurico, tumore al polmone o altri tumori sono altrettanti.

Secondo la tesi dei pm Raffaele Guariniello, Gianfranco Colace e Sara Panelli, che hanno sostenuto l'accusa in primo grado e che saranno applicati anche nell'appello affiancando il procuratore generale Marcello Maddalena, i due dirigenti erano al corrente della pericolosità dell'amianto e fecero di tutto per nasconderne gli effetti su lavoratori e popolazione.

Intanto, gli ammalati ancora in vita, i parenti delle vittime, i sindacati e le associazioni si sono già mobilitati. Domani mattina davanti al Palazzo di giustizia di Torino, si terrà una manifestazione indetta dall'Afeva (Associazione famigliari e vittime amianto) e da Cgil, Cisl e Uil Piemonte. Saranno più di dieci i pullman di lavoratori e di loro parenti che raggiungeranno Torino per assistere al processo: sette soltanto da Casale Monferrato, dove si trovava il più grande degli stabilimenti; gli altri dalla provincia di Reggio Emilia e dalla Francia, dove la multinazionale aveva altre fabbriche. "La lotta - dice Romana Blasotti, presidente dell'Afeva - non è finita, abbiamo ancora tanto da lavorare per giustizia, ricerca e bonifica.

Incito tutti a non mollare e a partecipare". Saranno presenti anche iscritti e simpatizzanti dell'Osservatorio Nazionale Amianto. La Provincia di Torino, invece, trasmetterà il dibattimento in diretta streaming sul suo sito internet

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS