Navigation

Ethos chiede dimissioni presidente Credit Suisse

Meglio che se ne vada? KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 ottobre 2019 - 12:12
(Keystone-ATS)

Credit Suisse ha bisogno di un nuovo presidente del consiglio di amministrazione (Cda), solo così potrà essere ristabilita la fiducia: lo sostiene Vincent Kaufmann, direttore di Ethos, fondazione che consiglia le casse pensioni.

Ethos non è soddisfatta dal rapporto reso pubblico dalla banca riguardo a Iqbal Khan, il top manager pedinato su ordine dell'istituto. "Questa vicenda conferma la nostra opinione riguardo ai problemi ai vertici che abbiamo sollevato negli ultimi anni", afferma Kaufmann in un'intervista pubblicata oggi dal Blick. "C'è un problema di fiducia, che a nostro avviso richiede un rapido cambio a livello di presidente del Cda". Dal 2011 la carica è occupata dal giurista svizzero Urs Rohner.

Riguardo alle spiegazioni che l'istituto ha nel frattempo presentato in relazione al pedinamento di Khan - fino a giugno responsabile della gestione patrimoniale di Credit Suisse e dal primo ottobre in forza a UBS - il direttore di Ethos vede ancora punti poco chiari. "Ci stupisce che il direttore operativo (COO) Pierre-Olivier Bouée non abbia informato del pedinamento il Ceo Tidjane Thiam, visto che Bouée è da quasi 20 anni il suo più intimo luogotenente".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.