Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È stato fermato per tentato omicidio l'uomo di 50 anni residente a Monte Olimpino (Como), interrogato ieri sera dai Carabinieri, sospettato di avere esploso il colpo di pistola che giovedì sera ha ferito una bambina di dieci anni durante i festeggiamenti seguiti a Italia-Germania degli Europei. Al termine dell'interrogatorio, alla presenza del pm di turno Mariano Fadda, l'uomo è stato trasferito in carcere.

Il cinquantenne abita in via Canova, una traversa di via Bellinzona che si affaccia su una via parallela al luogo in cui la bimba, a bordo di un'auto con i genitori, era stata colpita. Da quanto è stato possibile ricostruire l'uomo dopo le 23.30 di giovedì era uscito sul balcone di casa e aveva sparato per festeggiare, utilizzando una delle pistole regolarmente dichiarate.

Il balcone si trova a un centinaio di metri in linea d'aria dal punto in cui transitava la Volkswagen con a bordo la famigliola di Ponte Chiasso. All'uomo i militari del nucleo operativo di Como sono risaliti dopo aver analizzato i permessi di porto d'armi rilasciati ai residenti della zona di Monte Olimpino e dopo aver effettuato un ulteriore sopralluogo sul punto della tragedia sfiorata. La bambina, ferita alla spalla, è stata nel frattempo operata l'altro ieri ed è stata dichiarata fuori pericolo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS