Navigation

Europa boccia sistema finanziamento partiti Italia

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 aprile 2012 - 19:20
(Keystone-ATS)

L'Europa ha bocciato senza appello il sistema di finanziamento pubblico ai partiti italiani, caratterizzato da controlli insufficienti, e ha puntato il dito contro i tempi per la prescrizione dei reati legati alla corruzione talmente brevi da rischiare di vanificare l'opera svolta dai giudici.

Questo l'impietoso giudizio sull'Italia contenuto in un rapporto reso noto oggi dal GRECO (Groupe d'Etats contre la corruption), il braccio anti-corruzione del Consiglio d'Europa.

Il GRECO ha inviato a Roma sette "raccomandazioni". Tra queste spiccano lo status legale dei partiti, l'introduzione di adeguati controlli pubblici, il divieto di donazioni anonime. Per quanto riguarda la lotta alla corruzione, il rapporto del GRECO ha lanciato un allarme importante sulle "tante lacune" rilevate e l'inadeguatezza delle sanzioni previste.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?