Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo 'spettro' dell'estate 2003, anno record per il caldo in tutta Europa, incombe sul Vecchio Continente dove sta irrompendo l'Anticiclone Nord-Africano con il suo carico di aria calda sahariana.

A Parigi oggi si sono toccati i 39,7 gradi, un valore superiore al livello toccato in quell'estate di 12 anni fa. In tutta la Francia, dove è in vigore lo stato di allerta, l'afa è soffocante. Colonnina di mercurio su valori record (34 gradi) anche a Londra secondo le rilevazioni ufficiali anche se i blog locali hanno parlato di punta di 40 gradi sfiorati.

In Spagna lunedì sono stati toccati i 45 gradi e non sono previsti miglioramenti. Allerta per il caldo torrido anche in Portogallo mentre grandi anomalie sono previste anche per i Paesi Bassi (35-36 gradi), almeno fino alla metà di luglio.

In Italia è imminente un'intensa ondata di caldo che durerà almeno una settimana colpendo in particolare Nord, Toscana, Lazio e Sardegna dove si potranno registrare picchi di oltre 36-38 gradi a partire dal prossimo week-end. Tra le città, domani sono 5 (Bolzano, Brescia, Milano, Perugia e Torino) quelle contrassegnate dal bollino arancione del ministero della Salute che, di livello 2 in una scala da 0 a 3, indica un rischio caldo per le categorie deboli o chi soffre di particolari patologie. Venerdì poi compare il primo bollino rosso (rischio per tutta la popolazione): è Torino, mentre sono 8 i bollini arancioni (oltre a 4 delle 5 città di domani, Bologna, Firenze, Roma e Trieste).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS