Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Compie vent'anni domani l'Eurotunnel, il tunnel sotto la Manica inaugurato il 6 giugno 1994 dall'allora presidente francese François Mitterrand e dalla regina Elisabetta.

È la più lunga galleria sottomarina, 50 chilometri di cui 38 scavati sotto il mare, ma per centinaia di migliaia di piccoli azionisti che avevano scommesso sul suo valore in Borsa è diventata sinonimo di incubo finanziario. Adesso, quella pagina sembra essere stata definitivamente voltata.

Dodicimila persone contribuirono alla spettacolare opera che ha unito Francia e Gran Bretagna e che era attesa da secoli. Una cerimonia ufficiale si svolgerà domani a Coquelles, sulla sponda francese, proprio dove - sotto una pioggerella che con ogni probabilità si riprodurrà anche domani - Mitterrand e la regina tagliarono il nastro.

A fine 2013, il debito è ancora colossale, 3,7 miliardi di euro, anche se la società concessionaria fino al 2086, Eurotunnel (3700 dipendenti), vanta utili per 101 milioni di euro.

SDA-ATS