Navigation

Eurozona: Moody's, recessione finirà nel 2013

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 novembre 2012 - 20:40
(Keystone-ATS)

Per l'eurozona la recessione finirà nel 2013. Lo afferma Moody's nell'Economic Outlook in cui prevede per l'anno prossimo una crescita del Pil dello 0,2%,"in lieve miglioramento rispetto al -0,5% atteso per il 2012". A fare da traino sarà la Germania che chiuderà il 2013 con un Pil in rialzo dell'1,2%.

Moody's precisa comunque che rimangono "rischi al ribasso che potrebbero spingere l'area in recessione".

Nel rapporto di Moody's Analytics si ravvisano due fattori chiave nell'evoluzione dell'area: l'eventuale richiesta di salvataggio della Spagna, che innescherebbe gli acquisti da parte della Banca Centrale Europea (BCE) di titoli di Stato spagnoli allentando le tensioni sulla crescita della regione; e la possibilità di un'uscita della Grecia dall'euro, che invece farebbe crollare il Pil dell'area del 4,5%.

Ma l'agenzia tiene conto anche della minaccia di una nuova crisi delle banche spagnole che genererebbe un pericoloso effetto domino in tutta Europa, facendo precipitare il Pil dell'eurozona del 6,7% entro metà 2015.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?