Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ex capo della polizia guatemalteca Erwin Sperisen, rifugiatosi nel 2007 in Svizzera, è stato arrestato oggi a Ginevra. L'uomo, che ha anche la nazionalità elvetica, è sospettato di essere coinvolto in assassinii ed esecuzioni extragiudiziali. Nei suoi confronti è stato avviato un procedimento penale.

Dopo aver studiato i documenti trasmessi alla fine del 2011 dalle autorità guatemalteche, e basandosi "sui recenti sviluppi dell'inchiesta", la giustizia ginevrina è giunta alla conclusione che i sospetti sono fondati.

Ex capo della polizia nazionale civile (PNC) dal luglio 2004 al marzo 2007, Sperisen figura su una lista di ricercati dalla Commissione internazionale contro l'impunità in Guatemala (CICIG). Le accuse sono di esecuzioni extragiudiziali di detenuti commesse nel corso di operazioni della PNC. I reati di cui si sarebbe macchiato Sperisen sono stati denunciati da diverse associazioni presso la giustizia ginevrina nel 2007 e nel 2008.

L'ex capo della polizia guatemalteca è domiciliato a Ginevra e in considerazione della sua doppia nazionalità non può essere estradato. Del caso si occupa quindi l'autorità di perseguimento penale ginevrina, ha fatto sapere il ministero pubblico cantonale. Il dossier è stato affidato al procuratore Yves Bertossa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS