Navigation

Facebook, Australia fa causa per Cambridge Analytica

Causa giudiziaria contro Facebook. KEYSTONE/EPA/SASCHA STEINBACH sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2020 - 12:39
(Keystone-ATS)

L'autorità australiana per la protezione dei dati personali (Oaic) ha deciso di portare Facebook in tribunale.

Questo per lo scandalo privacy di Cambridge Analytica, scoppiato agli inizi del 2018, che ha visto la società accusata di aver raccolto i dati di 87 milioni di utenti del social per profilarli in modo da mostrare loro pubblicità politica mirata durante la campagna per le presidenziali americane del 2016.

Lo riferisce l'Oaic in una nota diffusa stamani, in cui imputa al colosso californiano di aver "commesso gravi e/o ripetute interferenze con la privacy in violazione della legge australiana sulla privacy".

L'Autorità sostiene che Facebook abbia divulgato illegalmente le informazioni personali degli australiani, quando ha condiviso i loro dati con l'app di Cambridge Analytica nel 2014 e 2015.

Facebook "ha lasciato i dati personali dei circa 311mila utenti australiani esposti all'essere venduti e usati per scopi tra cui la profilazione politica, ben oltre le aspettative degli utenti", ha dichiarato la commissaria alla privacy Angelene Falk.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.