Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il dolore per i morti, le lesioni indelebili scolpite nelle menti delle centinaia di feriti. Ma sono le falle nella sicurezza, messe a nudo dagli attentati di Bruxelles, la prima preoccupazione tanto nei palazzi della Ue quanto nelle cancellerie di tutta Europa.

"Incapacità imbarazzanti", vengono definite. Per domani è stato convocato un vertice straordinario dei ministri dell'interno. All'ordine del giorno, l'applicazione delle norme europee sull'antiterrorismo.

Con la Ue che oggi punta il dito contro i governi che hanno "un gap di fiducia" e non fanno passi avanti. Tanto che il presidente della Commissione Jean Claude Juncker, in conferenza stampa col premier francese Manuel Valls, ricorda come "la cooperazione tra i nostri servizi segreti era già stata decisa nel 1999" e "ribadita nel 2001" dopo l'11 settembre. "Ma ancora non si fa, per ragioni che mi sfuggono, anche se è evidente che la nostra conoscenza degli altri paesi è imperfetta e questo vale per i paesi dell'Africa del Nord ed i loro vicini".

"Nessuno di noi deve essere geloso delle proprie informazioni", ha detto il ministro italiano dell'Interno Angelino Alfano. D'altronde l'Italia è sempre stata favorevole allo scambio di informazioni. Le resistenze storiche sono venute da Londra e Parigi, da dove arrivano ora solo piccole aperture da Valls e Cameron.

Che invece serva una "struttura condivisa" della sicurezza nella Ue, qualcosa che assomigli ad un Fbi europeo, è tornato a ribadirlo anche oggi il premier italiano Matteo Renzi. "Occorre stringere sui meccanismi di intelligence tra i paesi europei e non solo, valorizzare Europol, lavorare su una struttura condivisa", ha detto.

Un intervento in piena sintonia con Bruxelles, da dove il Commissario per gli affari interni, Dimitris Avramopoulos, è tornato a martellare: dopo gli attentati "noi cittadini europei siamo più forti e più uniti di prima, ma serve reagire insieme: abbiamo bisogno di più coordinamento nel settore dell'intelligence".

Sotto aperta accusa, i governi nazionali. "Se fosse stato messo in atto tutto quanto avevamo deciso già lo scorso anno, avremmo potuto essere più efficienti", ha sottolineato Avramopoulos, ricordando che tre degli attentatori di Parigi "erano noti alle polizie locali ma non è stato fatto nulla perché non c'è stato scambio di informazioni", così hanno potuto entrare ed uscire indisturbati dalla Ue.

Gli strumenti ed il quadro legale ci sono, vanno usati. "Dobbiamo dimostrare che reagiamo non solo con la retorica ma con i fatti", ha insistito il greco che denuncia il "gap di fiducia tra gli stati". Un gap che resiste anche se "il tempo dei 'grandi statì è finito".

Dalla Ue arriva anche l'avvertimento a non mescolare la crisi dei migranti con l'allarme terroristico. Juncker, Avramopoulos e la vicepresidente Georgieva osservano che "dobbiamo capire che chi cerca di arrivare in Europa fugge dalla stessa gente che ci ha colpiti". Appello respinto immediatamente dalla premier polacca Beata Szydlo: "Dopo quanto accaduto ieri a Bruxelles non siamo d'accordo nell'accogliere alcun gruppo di migranti".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS