Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Meno fallimenti in Svizzera: fra gennaio e agosto hanno depositato i bilanci 3814 aziende, l'8% in meno dello stesso periodo del 2013. Stando ai dati pubblicati oggi dalla società di informazioni economiche Bisnode le bancarotte per insolvenza sono state 2763 (-6%), mentre quelle decretate per motivi legali (chiusura per lacune nell'organizzazione, articolo 731b del Codice delle obbligazioni) sono ammontate a 1051 (-15%).

In Ticino si riscontra invece una crescita dei fallimenti complessivi (+56% a 417) da attribuire però unicamente all'effetto del 731b CO: a cessare l'attività per insolvenza sono infatti state 227 imprese, solo una in più in confronto ai corrispondenti mesi del 2013. Gli altri 190 fallimenti erano dovuti a problemi organizzativi, un dato assai superiore ai 41 del periodo gennaio-agosto 2013.

Dove per contro il Ticino spicca ancora una volta è nella creazione di nuove aziende: le nuove iscrizioni al registro di commercio sono state 2142, con una progressione del 3% rispetto all'anno scorso. La crescita è in linea con quella registrata a livello nazionale (+3% a 27'505) ma interviene su una base già gonfiata: nel 2013 il Ticino aveva infatti segnato l'incremento più elevato del paese, un +14%, che aveva fatto discutere in relazione all'arrivo in forze di imprenditori italiani.

In pratica quello sudalpino è il quinto cantone dove vi è più voglia di impresa, superato solo da Zurigo (4815 iscrizioni), Vaud (2556), Berna (2247) e Ginevra (2165), tutte realtà assai più grandi. Nei Grigioni le nuove aziende sono state 618 (+3%).

Bisnode pubblica anche il dato nazionale relativo al solo mese di agosto (-2% a 2541), senza in questo caso fornire dati disaggregati regionali. Viene inoltre avanzata una previsione per l'insieme dell'anno: gli esperti si aspettano 41'392 nuove iscrizioni, valore più alto mai registrato e in progressione del 2% rispetto al 2013.

I settori più dinamici risultano finora essere il commercio all'ingrosso, la consulenza fiscale e aziendale, gli altri servizi alle imprese, l'artigianato, la ristorazione e il commercio al dettaglio. Tutti comparti che però si ritrovano ai primi posti anche nella statistica dei fallimenti.

Tornando quindi alle bancarotte va segnalato per finire anche il dato di agosto: 446 chiusure in Svizzera (+4%), di cui 356 per insolvenza (8%). Anche in questo caso non vi sono informazioni specifiche relative ai cantoni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS