Navigation

Fame: uccide 2,6 milioni bambini l'anno

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 febbraio 2012 - 16:37
(Keystone-ATS)

Ogni anno 2,6 milioni di bambini nel mondo muoiono di malnutrizione e altri 450 milioni subiranno nei prossimi 15 anni gravi danni fisici e mentali a causa di una dieta insufficiente o sbilanciata. Sono questi i risultati dell'ultima inchiesta condotta da Save the Children, l'organizzazione internazionale più autorevole del settore.

Lo studio, intitolato "A Life Free from Hunger" (una vita libera dalla fame) è stato presentato oggi a Johannesburg, in Sudafrica, e anticipato dai giornali inglesi. Nei paesi in via di sviluppo un bambino su quattro soffre di rachitismo a causa della malnutrizione, in alcuni paesi addirittura uno su tre e in India quasi uno su due (48%), hanno scoperto i ricercatori di Save The Children constatando che il problema diventa sempre più grave e diffuso nei paesi ad alto incremento demografico come Nigeria e Tanzania.

Nel pubblicare i risultati dello studio, Save the Children ha rivolto un appello al primo ministro britannico David Cameron perché convochi una conferenza mondiale sulla malnutrizione infantile la prossima estate a Londra approfittando dei riflettori puntati della comunità internazionale per le Olimpiadi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?