Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dei residui di fenilbutazone, un farmaco antinfiammatorio somministrato ai cavalli ma vietato per quelli destinati all'alimentazione umana, è stato rilevato in un campione di carne equina importata dal Canada. In totale, il laboratorio cantonale bernese ha analizzato 30 campioni.

I risultati sono analoghi a quelli dell'anno scorso, ha annunciato oggi l'Associazione dei chimici cantonali svizzeri, la quale precisa che il tenore di fenilbutazone riscontrato nel campione ammonta a 1,7 microgrammi per chilo di carne.

Questa concentrazione non rappresenta alcun pericolo per la salute dei consumatori, afferma l'associazione. Il laboratorio cantonale bernese ha tuttavia chiesto spiegazioni all'impresa interessata.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS