Navigation

Fastweb: TPF, sì ad assistenza giudiziaria

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 marzo 2010 - 14:46
(Keystone-ATS)

BELLINZONA - Il Tribunale penale federale (TPF) ha dato il nullaosta alle richieste di assistenza giudiziaria provenienti dall'Italia in relazione al caso Fastweb - filiale italiana di Swisscom - coinvolta in un presunto caso di riciclaggio e frode al fisco della Penisola. La decisione può essere impugnata di fronte al Tribunale federale.
Secondo una nota odierna del TPF, con decisione del 18 marzo scorso i giudici hanno respinto i ricorsi di due privati e della società ticinese Euram Finance. I ricorsi erano diretti contro misure di assistenza giudiziaria adottate dall'ottobre 2007 dall'Amministrazione federale delle dogane su richiesta delle autorità inquirenti italiane.
Fastweb - assieme alla filiale di Telecom Italia Sparkle - è al centro di un'indagine per frode sull'Iva e riciclaggio. Tra il 2003 e il 2006, sarebbero stati accumulati circa 2 miliardi di euro mediante acquisti e vendite fittizie di servizi telecom internazionali. Il fisco avrebbe quindi subito un danno, mediante queste operazioni fasulle, di 365 milioni di euro (524 milioni di franchi al cambio attuale).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?