Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Il ministero della Giustizia Usa ha annunciato in serata a Washington l'arresto di 10 spie che operavano da numerosi anni negli Stati Uniti, e una undicesima persona, latitante, e' tuttora ricercata. Per inserirsi nella societa' americana, avevano assunto, nei lontani anni Novanta, nomi di cittadini statunitensi morti, e per quasi 20 anni sono stati in grado di fornire informazioni sensibili ai servizi segreti russi.
L'obiettivo della loro missione, spiega il Ministero della Giustizia, ''era la ricerca e lo sviluppo di contatti in circoli politici americani''. Tutti e dieci sono stati accusati di cospirazione a beneficio di un governo straniero (rischiano fino a cinque anni di carcere); nove di loro di riciclaggio di denaro sporco, rischiano fino a 20 anni.
Otto delle dieci presunte spie arrestate avevano da molto tempo incarichi 'deep cover' per conto di Mosca mentre due facevano parte del programma di intelligence russo, ha precisato l'Fbi. Gli arresti sono stati effettuati ieri a Montclair, in New Jersey; a Yonkers, alle porte di New York; e ad Arlington, in Virginia, a pochi passi di Washington, e le indagini sul loro conto duravano da anni.

SDA-ATS