Navigation

FBI minacciò Monica Lewinsky per tentare incastrare Clinton

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2014 - 18:54
(Keystone-ATS)

L'FBI minacciò Monica Lewinky, cercando di costringerla a indossare una microspia nel tentativo di spiare l'allora presidente americano Bill Clinton. Lo rivela il Washington Post 16 anni dopo lo scandalo in cui Clinton rischiò di perdere la presidenza.

Secondo i documenti governativi ottenuti dal giornale, nel 1998 l'allora stagista alla Casa Bianca subì maltrattamenti da parte dell'FBI nel tentativo di farla cooperare, minacciando anche il carcere, ma lei rifiutò.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.