Navigation

Fed: verbali, 'non c'è posto per razzismo al nostro interno'

La Fed lotta per l'uguaglianza razziale. KEYSTONE/AP/Patrick Semansky sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 luglio 2020 - 20:23
(Keystone-ATS)

La Fed è impegnata a fare il possibile per l'uguaglianza razziale e la diversità al suo interno e nella società.

È quanto emerge dai verbali della riunione del 9 e 10 giugno, aperta dal presidente Jerome Powell mettendo in evidenza che "all'interno della banca centrale non c'è spazio per il razzismo, e non dovrebbe esserci anche nella società. Questi principi fondamentali guidano la Fed in tutto quello che fa, dalla politica monetaria al lavoro di regolamentazione e supervisione delle banche".

Oltre a questo, dai verbali emerge anche che una politica monetaria "molto accomodante" è vista come necessaria "per un certo periodo di tempo". Il coronavirus, viene sottolineato, pone "considerevoli rischi al ribasso nel medio termine".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.