Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Il vicepresidente della Fed Donald Kohn lascerà il board della banca centrale il prossimo 23 giugno. Lo comunica lo stesso Kohn, conosciuto per aver guidato gli sforzi per gli stress-test. Kohn ha servito la banca centrale per 40 anni.
L'uscita di Kohn crea un nuovo vuoto nel board dei governatori della Fed, portando a tre i posti da designare, e offre all'amministrazione Obama la possibilità di influenzare significativamente la governance della Fed.
L'annuncio di Kohn arriva mentre il Senato valuta un'ampia revisione delle regole finanziarie che potrebbe includere una riduzione dei poteri di supervisione della Fed sulle banche. Kohn ha iniziato la propria carriera come economista finanziario alla Fed di Kansas City nel 1970. L'ex presidente americano George W. Bush ha nominato Kohn al board della Fed nell'agosto 2002. Nel giugno 2006 Kohn è divenuto vicepresidente della banca centrale, succedendo a Roger W. Ferguson Jr.
"La Fed e il paese hanno un grande debito di gratitudine verso Kohn per il suo contributo negli ultimi 40 anni", afferma il presidente della banca Ben Bernanke. "Di recente ha messo a disposizione la sua conoscenza e la sua esperienza nell'aiutare la Fed a coordinare - aggiunge Bernanke - la risposta alla crisi". "A livello personale vorrei esprimere il mio più profondo apprezzamento per l'amicizia di Don e i suoi consigli durante i tempi difficili. Ci mancherà molto" osserva Bernanke.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS