Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nessuna sorpresa a Berna al secondo turno dell'elezione del Consiglio degli Stati: i due uscenti Werner Luginbühl (PBD) e Hans Stöckli (PS) - arrivati ai due primi posti già al primo turno - sono stati facilmente rieletti con oltre 150 mila voti ciascuno.

Lo sfidante senza partito di Bienne Bruno Moser ha ottenuto solo 22'966 suffragi. La partecipazione è stata del 29.2%.

Dopo il ritiro di Albert Rösti dell'UDC, Stöckli e Luginbühl avevano la rielezione già assicurata, Moser non rappresentava infatti una vera minaccia: al primo turno era arrivato penultimo fra gli 11 candidati con 4114 voti (meno dell'1,2% delle preferenze). Malgrado ciò il biennese ha voluto presentarsi anche al secondo turno costringendo così i bernesi a tornare alle urne.

Il mero esercizio democratico è costato al cantone circa mezzo milione di franchi: per evitare un inutile spreco di denaro diverse formazioni politiche hanno chiesto che in futuro si ponga una soglia minima di suffragi per poter accedere al secondo turno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS